Christos Anesti!

Christos Anesti!

Cristos A Inviat!

Khrishti Unjal!

Khristos Voskrese!

Cristos Vaskres!

Cristo E’ Risorto!

 

 

 

4 pensieri su “Christos Anesti!

  1. scusa non mi ero accorto della tua domanda rimasta in sospeso da Valter.
    quel thread è oramai troppo incasinato e preferisco rispondere qui a quella
    che ovviamente per te è una breve domanda e per me una lunghissima risposta di dubbia qualità

    i concetti veritativi sono sempre sintesi, estrazioni o anticipazioni di prassi reali, in altro caso hai ragione tu a valutarli come proiezioni mentali del soggetto pensante: quando parlo di storia parlo sempre di prassi umana complessiva, i due termini per me si equivalgono.
    allo stesso modo una lettura esclusivamente empirica (storiografica, effettuale ecc) non ci permette di afferrare assolutamente nulla di quello che accade e che probabilmente accadrà già domani

    le determinazioni ontologiche (cioè radicali) che non solo si disvelano ma si inverano nella storia sono sempre quelle : quelle di aristotele, cassirer, marx, hegel, con qualche riserva tommaso

    il risultato del movimento profondo della prassi storica complessiva è un annuncio senza profeta: è la coscienza incarnata e diffusa ai più che l’unico titolare della universalità umana (il carattere umano dell’umanità) corrisponde totalmente con la stessa umanità esistente: “e l’uomo disse: e sia l’uomo!”

    ciò che la prassi sociale complessivamente pensata ha metaforizzato nel dio antropomorfo si sta realizzando veicolata dalla globalizzazione capitalistica, con modi altamente distruttivi per l’ecosistema naturale e per la natura umana. ma è attraverso il potere del negativo che la dialettica storica mostra le sue strutture

    non c’è affatto modo di guidare la prassi sociale -in questo senso hai ragione tu quando prudentemente ti limiti all’ ambito testimoniale ed eviti l’agitarsi scomposto del volontarismo- al momento si può solo cercare di capirla

  2. Ciao, aiuto, non posso rispondere col mio serramanico all’artiglieria del gran turco, solo una cosa però; dici: “quando parlo di storia parlo sempre di prassi umana complessiva, i due termini per me si equivalgono.”quando parli di storia però parli della selezione dei fatti che chi ha vinto le guerre ha compilato e ti ha consegnato.

  3. :-)))) mia nonna in effetti era turca davvero

    che la storia umana tenda ad una coscienza incarnata di tutto il resto del genere umano è cosa che non si trova in alcun manuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*